giovedì 26 giugno 2008

Idea Zarate! (ogni giorno ce n'è uno nuovo!)


Nel suo paese è considerato un vero e proprio «Crack», ovvero un fuoriclasse, un attaccante in grado di fare la differenza. Ieri, intorno all’ora di pranzo, è sbarcato a Roma Sergio Zarate fratello nonché procuratore del talento argentino.
L’agente ha aspettato, in un hotel dei Parioli, il ritorno dei dirigenti biancocelesti impegnati a Milano per la risoluzione delle comproprietà. In tarda sera l’incontro. Durante la cena sono state gettate le basi per il trasferimento del «puntero» sudamericano. La trattativa è andata avanti fino a tarda notte, ma l’accordo sembra essere vicinissimo.
Dopo il suo esordio in prima squadra con il Velez Sarsfield - 12 gol e titolo di capocannoniere - Boca Juniors e River plate si erano lanciate sulle sue tracce, così come il Barcellona. La società del Quatar dell’Al Sadd aveva battuto tutti sullo sprint, arrivando a offrire 20 milioni di dollari.
Ma l’inserimento del calciatore nel paese arabo è stato piuttosto complicato: per questo, dopo pochi mesi ha chiesto di essere ceduto in prestito.
Ora, chiusa l’esperienza inglese con il Birmingham, il calciatore tornerà alla base. Le sue intenzioni sono chiare: non è intenzionato a restare in Quatar un minuto in più.
La Lazio è pronta a offrire 2 milioni di euro per il prestito, contemplando nell’accordo anche il diritto di riscatto.
Zarate arriva da una famiglia di calciatori: il papà fu un giocatore dell’Independiente di Avellaneda, il fratello maggiore Sergio ebbe, a inizio degli anni ‘90 anche un’esperienza nel campionato italiano con l’Ancona.
Mauro Matias Zarate ha vinto l’ultimo Mondiale Under 20 con la nazionale argentina , decidendo la finalissima con un suo gol contro la Repubblica Ceca.
É una prima punta, un attaccante rapido, tecnico , «alla Inzaghi». Qualche giorno fa anche il Boca Juniors avrebbe fatto un’offerta per ottenere il prestito del giocatore, ma la società biancoceleste sta giocando al rialzo, convinta di avere per le mani un giocatore di assoluto valore. Nelle prossime ore il presidente della Lazio Lotito potrebbe incontrare il procuratore del giocatore per definire l’entità dell’ingaggio.
Intanto ieri i dirigenti della Lazio erano a Milano per decidere le comproprietà: è stata rinnovata la compartecipazione con il Bologna per Meghni, così come quella per Artipoli con la Sampdoria.
Con ogni probabilità anche Foggia potrebbe tornare alla base: il presidente del Cagliari Cellino non ha ancora esercitato l’opzione per trattenere il calciatore in Sardegna e - d’accordo con Lotito - ha altri 10 giorni di tempo per convincere il fantasista a restare in rossoblù anche nella prossima stagione. Ora spetta al calciatore l’ultima parola.

2 commenti:

MAFALDA ha detto...

ciao, grazie per la tua visita, apparentemente abbiamo MOLTO POCO in comune:
io non amo il calcio (seguo l'Italia per gli Europei e i Mondiali) e il tuo blog è prevalentemente di calcio
MA
se devo scegliere una squadra in campionato
tifo Cesena e Lazio (FORZA LAZIOOOOOOO!)
sono di destra (in questo mondo virtuale di blogghisti è difficile incontrarne)
ed, escludendo la gnocca e la fica, ottimi i tuoi interessi generali hi!hi!hi!
vienimi a trovare quando vuoi...ogni tanto passerò a dare una sbirciatina pure io :-) buona giornata Maffy

yashal ha detto...

Questo Zarate chi è?????
Sognavamo Palacio poi si è parlato di Amoruso ed ora???

che schifo Lotito.