venerdì 7 marzo 2008

Calciomercato, Lotito non molla Carrizo


Il Milan ci ha provato, Gallia­ni ha ufficialmente chiesto Carrizo alla Lazio per il prossimo anno. E’ successo a S.Siro, a cavallo dell’anticipo di saba­to scorso. Ma Lotito ha detto «no», è sta­to un «no» secco, senza speranza di aperture future per i rossoneri. Su Carrizo la La­zio ci punta per la stagione 2008/09, lo aspetta da mesi e mesi, non se lo farà sfuggire per nessun motivo. E’ suo e suo rimarrà. Non ha intenzione di perderlo.

IL PRECEDENTE- Non è la prima volta che il Milan pensa a Carrizo. Era già ac­caduto nei mesi passati. I milanisti, al­le prese con il caso Dida, sono a caccia d’un portiere su cui puntare per il futu­ro. E l’identikit di Carrizo risponde pre­cisamente alle esigenze del club: « Resto allibito vedendo le parate di Kalac e sentendo che il Milan cerca un portiere », disse Lotito al termine di Mi­lan- Lazio, forse dopo aver respinto l’as­salto. Per Carrizo il presidente laziale ha già sganciato un milione d’euro d’ac­conto al River Plate quest’estate, poi Carrizo non arrivò per i noti problemi legati all’ottenimento della cittadinanza italiana (il tentativo di fargli avere il passaporto fallì pure a gennaio scorso). La Lazio s’è messa l’anima in pace e ac­coglierà Carrizo il primo luglio, quando potrà tesserarlo da extracomunitario (liberando uno dei posti occupati, ma­gari quello di Ledesma che potrebbe ot­tenere l’italianizzazione a fine stagio­ne). Non accadrà mai, ma l’eventuale rinuncia all’argentino comunque coste­rebbe alla Lazio la per­dita della caparra (il contratto prevede la possibilità di definirne l’acquisto entro il 31 agosto 2008). La società biancoceleste l’ha inse­guito, l’ha scelto ed ora aspetta solo di schierar­lo in campo per affidar­gli finalmente la pesante eredità lascia­ta da Angelo Peruzzi.

LE PAROLE - Lotito più di una volta ha chiarito il concetto, Carrizo farà parte della Lazio del prossimo futuro, lo dis­se nelle scorse settimane: « Perché con un paio di pedine, a partire proprio dal­l’arrivo di Carrizo, la Lazio potrà com­petere con tutti ». Il presidente, a genna­io, viste le difficoltà incontrate dalla La­zio per riuscire a sbloccare la pratica­cittadinanza, parlò di interferenze e manovre misteriose tese a complicare ulteriormente il suo arrivo nella Lazio. E a domanda precisa, su un interesse del Milan verso il portiere, Lotito rispo­se sibillino, senza riferirsi espressa­mente ai rossoneri: « Non so cosa fanno le altre società… ». Lotito si difese du­rante il forum svolto al Corriere dello Sport-Stadio e precisò che la Lazio non fu sprovveduta ai tempi dell’acquisto dell’argentino: « Fatti non prevedibili hanno determinato l’impossibilità di tesserarlo ». E respinse gli assalti giun­ti, ufficialmente e non ufficialmente, dai club di mezza Europa: « Carrizo viene riconosciuto da tutti come uno dei por­tieri più forti a li­vello internazio­nale. Oggi vedo alcune società che hanno diffi­coltà nel trovare i portieri, anzi sono ritornate su alcuni nomi che noi avevamo scartato perché pensavamo che Carri­zo fosse di gran lunga superiore ».

LA SCELTA - Carrizo sarà il portiere del­la Lazio futura, non c’è dubbio. La La­zio non lo mollerà assolutamente. Nel frattempo «Jp» vivrà gli ultimi mesi al River Plate, da portiere prestato. E’ tor­nato in patria in attesa di indossare la maglia biancoceleste, sta difendendo la porta della squadra che l’ha lanciato nel calcio argentino e l’ha consacrato sul palcoscenico internazionale. Carrizo so­gna di chiudere alla grande la sua sta­gione con i «Millonarios». La Lazio con­ta i mesi che la separano dal suo arrivo a Roma. Carrizo non è in vendita. E la Lazio non rinuncerà al suo acquisto già contrattualizzato. Manca solo il battesi­mo del campo. Il Milan è pregato di non ripassare.

-PiazzaDellaLibertà-